PSICOTERAPIA-FAMIGLIA.CH     091 863 44 42 linda.giudicetti@psicoterapia-famiglia.ch
DSC_0871

Sostegno alla genitorialità e alla famiglia

Se c’è qualcosa che desideriamo cambiare nel bambino, dovremmo prima esaminarlo bene e vedere se non è qualcosa che faremmo meglio a cambiare in noi stessi.
(C. G. Jung)

Viviamo in tempi in cui il mondo che conosciamo cambia in modi sempre più veloci ed imprevedibili e i genitori e le famiglie si trovano a dover affrontare sfide senza precedenti.

Ciò che caratterizza le famiglie „sane“ e „normali“ non è però l‘assenza di conflitti, difficoltà o di sofferenza, quanto piuttosto la loro capacità di far fronte a tutte quelle che possono essere le piccole o grandi difficoltà che accadono nel tempo. Il conflitto e il cambiamento sono parte della vita di una famiglia, così come la tradizione e la continuità.

Dal proprio vissuto all‘esperienza genitoriale

Diventare genitori può costituire una grande opportunità di crescere come individui, perché si ritorna, anche se in un ruolo diverso, all‘interno di una relazione genitore-figlio.

A volte, purtroppo, accade che i genitori incontrino difficoltà a rispondere adeguatamente ai bisogni o ai segnali dei propri figli, trovandosi ad interagire con loro in modo troppo preoccupato e coinvolto, oppure distaccato e freddo, o, ancora, lasciandosi invadere da sentimenti di disorientamento, panico e intolleranza rispetto alle richieste pressanti e urgenti che i figli rivolgono loro.

Molto spesso, questa difficoltà di interazione è frutto della relazione che l‘adulto ha avuto da bambino con i propri genitori. Non è raro sentire dire da genitori „non avrei mai pensato di poter avere con i miei figli gli stessi comportamenti che da bambino mi hanno fatto soffrire“.

Una maggiore conoscenza e comprensione di noi stessi e della nostra storia può aiutarci a costruire una relazione più positiva e soddisfacente con i nostri figli, rafforzando la nostra capacità di generare uno stato di benessere emotivo e di sicurezza che li aiuta a crescere in maniere ottimale.

Non possiamo cambiare ciò che ci è successo da bambini, ma possiamo cambiare il nostro modo di pensare a quegli eventi. Ciò che è veramente importante per noi e per i nostri figli non è dunque quanto è successo a noi nel passato, ma il modo in cui siamo riusciti a elaborare e a comprendere tali avvenimenti, a dare un senso agli avvenimenti, a capire e integrare le nostre esperienze infantili, positive e negative, e di accettarle come parte della nostra storia.

L‘opportunità di crescere e di  cambiare ci è data durante tutto il corso della nostra vita.

Pensare in modo diverso alla storia della nostra vita significa anche essere consapevoli delle esperienze presenti, delle nostre emozioni e percezioni, le nostre visioni del mondo e le relazioni che stabiliamo.

La terapia EMDR può aiutare a risolvere ricordi traumatici o di sofferenza riguardanti la relazione con i propri genitori o eventi sfavorevoli di vita.

Approccio alla funzione di genitore secondo la Mindfulness

Incoraggio a costruire un approccio al ruolo di genitore con come principi fondamentali la comprensione interna e la relazione interpersonale.

Ispirandomi a Siegel (2003), i principi fondamentali sono:

  • Consapevolezza significa vivere nel presente, consapevoli dei nostri pensieri e die nostri sentimenti, e nello stesso tempo pronti a percepire quelli die nostri figli, potendo quindi agire in modo intenzionale
  • Disponibilità ad apprendere: i nostri figli ci danno l‘opportunità di crescere e di esaminare questioni lasciati in sospeso legati alle nostre esperienze infantili: possiamo continuare a crescere con i nostri figli
  • Flessibilità di risposta: è la capacità di scegliere tra la grande varietà di impulsi, idee, sensazioni ed emozioni e di arrivare ad una scelta che si traduce in una risposta meditata e non automatica
  • Empatia, capacità di percepire e considerare i pensieri, le emozioni, le sensazioni, e ricordi, le convinzioni, gli atteggiamenti e le intenzioni nostre e degli altri
  • Gioia di vivere: divertirsi con i propri figli e condividere con loro lo stupore di scoprire ciò che significa sentirsi vivi e parte di un mondo pieno di meraviglie sono fattori cruciali per lo sviluppo nel bambino di un senso positivo di sè.
Chiudi il menu